• erice castello di venere

Erice, antica città fenicia e greca, sospesa a 751 m di altezza.
Nell’antichità, essa era nota per il suo tempio ove i Fenici adoravano Astarte, i Greci Afrodite ed i Romani Venere. Il monte Eryx serviva da punto di riferimento per i navigatori dei quali Venere divenne ben presto la protettrice. L’impianto urbano a forma triangolare, è delimitato sul lato occidentale da mura ciclopiche e da tre porte normanne. Erice accoglie più di sessanta chiese, testimonianze architettoniche di grande pregio.
Il centro cittadino conserva il fascino di antico borgo medievale con piazzette, strade strette e sinuose nelle quali si affacciano bellissimi cortili fioriti. Esso è popolato da botteghe di artigianato tipico: ceramiche finemente decorate, tappeti variopinti tessuti a mano. Da non perdere la raffinata pasticceria ericina, nata tra le mura dei conventi e nota ormai in tutto il mondo. L’aria pulita, il clima piacevolmente fresco, le romantiche pinete che la circondano, la tranquillità, l’armonia e la posizione del luogo la rendono meta amena e suggestiva. La settimana di musica medievale e rinascimentale è un evento da non perdere.
Ad Erice ha sede il Centro di Cultura Scientifica “Ettore Majorana” divenuto negli anni un polo di eccellenza nel campo della ricerca scientifica a livello internazionale e promotore di grande iniziative..