• Selinunte

  • SelinunteAkropoli

  • selinunte dark

english version

Selinunte è considerata, a ragione, tra i più importanti bacini archeologici del Mediterraneo e d’Europa. Fondata nel corso del VII secolo dai coloni di Megara Hiblaea, costituiva la punta più avanzata verso occidente dei territori greci in Sicilia. Quì, per circa tre secoli, avvenne l’incontro-scontro tra civiltà greca e fenicio punica. Selinunte si era sviluppata nei secoli fino a diventare la più grandiosa fra le città della Sicilia ellenistica, specie per i suoi colossali templi. Ma nel 409 a.C., i Segestani, la distrussero con l’aiuto dei Cartaginesi che profanarono i templi e quasi sterminarono la popolazione.Col passare degli anni e dei secoli, l’antica Selinunte fu del tutto dimenticata, e solo nel Cinquecento ne venne identificato il sito. Nell’Ottocento si iniziò una sistematica campagna di scavi. L’area archeologica si distingue in due zone principali quella del templi orientali e l’acropoli.